Corsi

Dall’anno accademico 1995-1996 il Centro di Didattica Museale presenta proposte di studi universitari a distanza e in presenza nel settore della mediazione ed educazione al patrimonio culturale .

Nell’Anno Accademico 2018/2019 sono stati attivati:

Master annuale di II livello in “Didattica museale generale” (60 CFU)

Regolamento)

Master biennale di II livello “Studi avanzati di educazione museale” (120 CFU)

(Regolamento)

 

L’esigenza di istituire un master annuale in “Didattica Museale Generale” e biennale  in “Studi avanzati di educazione museale” è scaturita da varie considerazioni:musei_vaticani_master
– il museo è sempre più considerato come uno strumento educativo di particolare interesse, non solo per il pubblico d’élite che lo frequenta tradizionalmente, ma anche per le categorie di visitatori che ne sono ancora esclusi. Nell’ambito dei beni culturali, quindi, si fa sempre più avanti la necessità di rivolgere proposte che possano soddisfare le esigen
ze dei diversi visitatori, intesi come categorie di pubblici distinti in base a variabili sociali, culturali, anagrafiche. Occorre studiare le loro caratteristiche per formulare programmi che ne soddisfino la domanda culturale sia implicita che esplicita.
– Se lo studio classico sul pubblico dei musei condotto da Bourdieu & Darbel (1969) nacque da una collaborazione internazionale, le indagini organizzate oggi nei vari Paesi tendono a presentare una realtà piuttosto frammentaria. Sarebbe dunque importante sviluppare strumenti e dispositivi di ricerca sul campo che, opportunamente tarati, possano essere utilizzati in paesi diversi, in modo da favorire il confronto internazionale dei dati ed animare una discussione effettivamente transnazionale.
– Per ampliare il quadro di riferimento nel settore della mediazione culturale nei musei è necessario creare una cultura internazionale comune, sia attraverso la messa a punto di un linguaggio condiviso, sia attraverso la definizione di standard grazie ai quali confrontare attività organizzate in strutture e paesi diversi.

Il master annuale in Didattica museale generale (60 CFU) viene erogato in modalità mista: a distanza attraverso lo studio di unità teoriche tratte dalla letteratura di settore; in presenza attraverso incontri strutturati come seminari di studio. In particolare sono  previsti tre incontri in presenza: il primo di presentazione delle attività, il secondo intermedio con esperti nazionali e internazionali e uno finale quale incontro di valutazione sommativa del percorso.
 
Ottenuto il titolo di master di secondo livello in “Didattica museale generale” avrà la possibilità di chiedere l’iscrizione al secondo anno del master biennale in “Studi avanzati di educazione museale“.
Quest’ultimo corso di master si compone di due moduli annuali:

  • Didattica generale museale. Aspetti teorici (60 CFU) il cui piano formativo corrisponde a quello del suddetto master annuale in “Didattica generale museaele”;
  • Standards per l’educazione museale. Aspetti empirici (60 CFU) che rappresenta il secondo anno del master, è strutturato in modalità mista con una serie nutrita di incontri in presenza con esperti internazionali. L’offerta degli incontri in presenza sarà sovrabbondante,  rispetto le tre settimane obbligatorie richieste, per consentire al corsista la flessibilità nella scelta. Fulcro di questo secondo modulo sarà la realizzazione di una attività progettuale di ricerca e uno stage della durata minima di 3 settimane.
Obiettivi formativi e sbocchi professionali

IMG_1106 3Lo svolgimento delle attività previste dai Corsi consentiranno di formare una figura professionale in grado di
– individuare le caratteristiche del pubblico di riferimento;
– definire, in chiave internazionale, il concetto di standard nei suoi vari contesti, applicandolo al settore della mediazione culturale nei musei;
– confrontare esperienze internazionali diverse interpretandole dal punto di vista degli standard di riferimento;
– analizzare le caratteristi che della comunicazione e della mediazione culturale all’interno del museo;
– correlare le principali funzioni di marketing come contesto organizzativo della funzione educativa del museo;
– organizzare indagini empiriche a livello internazionale, confrontando strumenti di rilevazione prodotti in contesti diversi e adeguandoli dal punto di vista culturale;
– formulare proposte didattiche ed educative strutturate e coerenti alle varie tipologie di musei;
– progettare attività di mediazione culturale che possano riferirsi ad un pubblico internazionale;
– rilevare correttamente i dati necessari allo svolgimento di un’attività sul campo;
– disporre di nozioni statistiche che consentano le principali analisi sui dati;
– valutare la ricaduta degli interventi di mediazione culturale e saperne interpretare i risultati;
– predisporre le azioni di miglioramento messe in luce da un’attività sul campo;
scrivere rapporti che prendano chiaramente in considerazione tutti gli aspetti di un’attività di mediazione culturale nei musei.

Gli sbocchi occupazionali per gli studenti che decideranno di iscriversi e frequentare i master sono riferibili all’ambito museale, in particolar modo nella figura dell’operatore museale che, grazie al suo bagaglio di competenze scientifico-culturali, sa progettare esposizioni e percorsi museali, prestando particolare attenzione ai diversi target di visitatori, oltre che occuparsi di ricerca e innovazione nell’ambito della tutela e della valorizzazione dei beni culturali.
Il personale già attivo nell’ambito museale può, attraverso il master, incrementare le proprie conoscenze e abilità circa la progettazione didattica museale e la divulgazione scientifica, nonché la valorizzazione e la promozione del patrimonio museale in un ottica internazionale e innovativa.

Criteri di selezione

Ai Corsi di studio possono iscriversi chi è in possesso di un titolo di studio universitario della durata di almeno quattro anni (ad esempio laurea quadriennale o magistrale). Sono accettati titoli in qualsiasi disciplina.

Possono essere riconosciute, come crediti acquisiti ai fini del completamento del Corso, con corrispondente riduzione del carico formativo dovuto, le attività svolte nei master o nei relativi corsi di perfezionamento e formazione di ambito universitario. 

Particolare attenzione verrà riservata a coloro che hanno conseguito negli anni precedenti il titolo di master annuale “Mediazione culturale nei musei: aspetti didattici, sperimentali, valutativi” o“Standards for museum education” o “Didattica generale e museale” presso l’Università degli Studi Roma TreIl Consiglio del Master potrà, in questi casi, riconoscere le attività svolte con corrispondente riduzione del carico formativo dovuto per il conseguimento del titolo di master “Studi avanzati di educazione museale”. Sarà possibile infatti definire percorsi didattici individualizzati sulla base del profilo di ciascun aspirante corsista.

 

Il Curriculum di ciascuno verrà poi valutato ai fini dell’assegnazione di alcune borse di studio.

La selezione dei candidati destinatari di borsa di studio verrà effettuata tra gli studenti iscritti tramite la valutazione dei titoli posseduti: verranno presi in considerazione i curricula presentati al Collegio di Master al momento di richiesta di iscrizione al corso.

Qualora si riscontrassero dei problemi nel caricare i documenti su gomp.uniroma3 per inoltrare la richiesta di iscrizione,  è possibile contattare l’indirizzo corso.didattica.museale@uniroma3.it 

beauty_creativity_masterInformazioni utili agli studenti

Nella sua parte a distanza il piano didattico dei Master prevede lo studio di una serie di unità teoriche, tratte dalla più importante letteratura italiana e internazionale. I Master offriranno un numero di unità sovrabbondanti e ogni corsista potrà così definire un percorso individualizzato, scelto in base ai suoi interessi personali. In questa fase sarà sostenuto dai docenti del Consiglio del Master e del Comitato scientifico.

Ulteriori crediti deriveranno da corsi in presenza di docenti sia nazionali sia internazionali.

Il Master “Didattica Museale Generale”prevede uno stage, della durata di minima di 5 giornate, che si svolgerà presso un museo o presso un’azienda italiana. L’attività didattica e di ricerca sarà coperta dal Master, mentre le spese di viaggio, vitto e alloggio saranno a carico dei partecipanti. Durante lo stage di sperimentazione operativa, i partecipanti metteranno a punto l’ipotesi di ricerca e la sottoporranno a verifica per la redazione del progetto di ricerca finale. A tal proposito, gli studenti si impegneranno anche nell’ideazione e somministrazione degli strumenti di indagine, nella rilevazione dei dati, nonché nella messa in atto delle conoscenze e competenze acquisite durante il percorso formativo.

Fulcro del secondo modulo del Master “Studi avanzati di educazione museale” sarà uno stage della durata minima di 3 settimane, presso un ente museale del territorio italiano. Lo stage permetterà ai corsisti di mettere in pratica e realizzare gli elementi innovativi di didattica museale appresi durante lo studio delle unità didattiche, la partecipazione alle lezioni e alle giornate di studio. A conclusione del Corso gli studenti redigeranno un progetto finale la cui discussione avverrà di fronte ad una commissione di esperti.

Locandina37592875_2113265495604297_3175008561583357952_o


Per richiedere informazioni:

corso.didattica.museale@uniroma3.it